L’Ismea Aversa torna con un punto dalla Sicilia. Orfana dello schiacciatore Starace infortunatosi a poche ore dalla partenza per Modica e dell’opposto Morelli la formazione di Tomasello lotta al ‘PalaRizza’ ma viene battuta 3-2 dall’Avimecc. Adesso testa al 26 dicembre: c’è il derby con Ottaviano.

PRIMO SET. Partenza a razzo dell’Avimecc (5-1) e coach Tomasello ferma subito il gioco. Barretta si fa valere a muro e cerca di tenere vicino i suoi (10-7), ma Modica allunga con un break terribile fino al 20-13. Secondo time-out ma il risultato non cambia, 25-18 per i siciliani.

SECONDO SET. L’Ismea Aversa riesce a reagire, Putini a muro fa 1-4. Barretta sigla l’ace del +4 (8-12), Alfieri (compagno di squadra di Sacripanti nel beach ed ex di turno) riporto sotto i suoi ma questa volta ad allungare sono i normanni. Sacripanti chiude 17-25 e regala l’1-1 nel conto dei set.

TERZO SET. Aversa prova subito ad allungare col muro del 3-7. Modica non ci sta e quando arriva sul -1 (8-9) Tomasello ne parla coi suoi ragazzi in panchina sperando di spronarli. E così succede fino al 15-18. Poi un black out porta addirittura l’Avimecc al sorpasso (19-18). Ma reazione di cuore e orgoglio dei ragazzi del presidente Di Meo: break terrificante col muro di Barretta, l’ace di Corrieri e il diagonale di Sacripanti. E’ 21-25.

QUARTO SET. Immenso equilibrio fino a metà set (12-11) poi Modica allunga fino al 18-13. Trillini stampa il -2 (21-19) ma non basta, perché si va al tie-break (25-21).

QUINTO SET. Gara anche di nervi: 5-5 e 7-8 al cambio campo. Modica poi passa avanti piazzando l’allungo fino all’11-9. Sul 14-11 time-out di Tomasello, Bonina annulla un match point ma ne restano altri e i siciliani chiudono vincendo 3-2 (15-12) prendendosi 2 punti, mentre Aversa torna a casa con un punto.