Due ore di gioco, di grande pallavolo e di immenso cuore tra due squadre che saranno sicuramente protagoniste di questo campionato di A3. A festeggiare questa volta è la Ismea Aversa che ‘sbanca’ il PalaCatania battendo 3-2 una Sistemia Aci Castello che non ha mai mollato nemmeno quando si è trovata sotto di 2 set. Una prestazione importante, una risposta dei normanni anche sulla gara lunga. Due punti che permettono di acciuffare il terzo posto (17 punti) e di guardare la capolista Palmi ad appena 2 lunghezze (nel mezzo Lecce a 18). Ma non c’è tempo per godersi il successo: domani si torna in campo perché mercoledì c’è il turno infrasettimanale. Alle 18 c’è il derby con Marigliano. Da segnalare anche la giornata da mettere nell’album dei ricordi per lo schiacciatore Schioppa che fa l’esordio in prima squadra, regalandosi i primi momenti in Serie A! Complimenti Francesco!

PRIMO SET. Partenza sprint dei siciliani (6-3) ma Aversa non perde lucidità e recupera subito terreno fino ad impattare ad 8. Il muro di Trillini regala il primo vantaggio (10-11) ma è sfida vera con Aci Castello che non demorde mai. Quando sempre Trillini trova l’ace la Ismea è ancora avanti (19-20), poi Lucconi sbaglia il servizio e regala 2 set point ai normanni. Il primo è annullato, non il secondo: Morelli trova il mani fuori sul muro avversario e sigla il 23-25 col quale si cambia campo.

SECONDO SET. Due muri di Frumuselu ed è 4-2. Poi Aversa piazza subito un break allucinante (3-14) con muri di Trillini, ace di Putini, monster block di Starace e Morelli imprendibile in attacco. Praticamente sul 7-16 il set è già ormai andato verso la Ismea. Sul 15-24 entra in campo anche il giovanissimo Schioppa, che fa il suo esordio in campo e si prende l’abbraccio di coach Tomasello e del ds Vitullo. La chiusura del parziale è solo una formalità: Zappoli non trova il campo sul servizio ed è 0-2 (16-25).

TERZO SET. La Sistema si porta subito avanti di 4 (12-8), poi il vantaggio raddoppia (18-10) ma guai a pensare che Aversa possa mollare. Aci Castello arriva a 23 ma la Ismea è dura a morire: si arriva sul 23-21 con l’ace di Sacripanti. Lucconi ottiene il campo palla (24-21), poi Trillini sbaglia al servizio e porta la contesa sul 2-1 (25-22).

QUARTO SET. Aci Castello prende subito il largo (10-6) con Starace che quando spara out regala il quindicesimo punto ai siciliani (contro i 10 normanni). Smiriglia a muro fa 22-17, Lucconi in diagonale conserva il +5 (24-19). Si va al tie-break, finisce 25-20.

QUINTO SET. Aversa parte con cattiveria (0-3) costringendo coach Kantor a fermare il gioco. Sacripanti in pipe e il muro Putini-Bonina spengono le velleità dei siciliani (3-8). Dopo il cambio campo mini break pericoloso per Aci Castello (6-8) e questa volta è coach Tomasello a chiedere time-out. Poi al rientro in campo è solo Ismea: Lucconi tira out, Putini si veste da superman e piazza l’ace e si può festeggiare. Due punti fantastici in trasferta, finisce 2-3 (8-15).