Il successo ‘pieno’ contro la Leo Shoes Casarano fa già ormai parte del passato, adesso la Ismea Aversa ha messo nel mirino l’Aurispa Libellula Lecce. Si gioca domenica 14 novembre (fischio d’inizio alle 18) nel palazzetto di Tricase e sarà tutt’altro che una passeggiata. I pugliesi sono abituati alle gare lunghe (3 tie-break) nelle prime 5 gare e proveranno a far valere il fattore campo mentre i normanni del presidente Sergio Di Meo hanno intenzione di dare continuità alla vittoria ottenuta al PalaJacazzi.

Il gruppo a disposizione di coach Giacomo Tomasello può guardare tutti dall’alto verso il basso visto che la Ismea guida il girone Blu ma guai a rilassarsi: “Il titolo di prima classificata ci gratifica molto per il lavoro svolto fino ad oggi – dice il libero Gabriele Calitri – ma a prescindere da questo le responsabilità di una squadra che punta in alto come noi sono sempre importanti ogni domenica per ogni singola partita. Sappiamo che Lecce è una buona squadra soprattutto in casa loro, dove hanno dato filo da torcere a grandi squadre come Palmi e Tuscania. Sarà una battaglia e proprio per questo dovremo affrontare la partita subito con la giusta concentrazione e cattiveria per prendere subito il pallino del gioco e aggredirli come fatto contro Casarano”.

Non sarà affatto facile anche perché “loro avranno il dente avvelenato in quanto hanno perso l’ultima gara 3-0 contro Modica e davanti al loro pubblico vorranno sicuramente rifarsi”.

E quindi uno sguardo ‘interno’ all’infermeria: “Gli infortuni ci stanno mettendo a dura prova ma noi stiamo rispondendo da grande squadra dando tutti – staff e atleti – qualcosa in più durante la settimana e la domenica in partita. Questo si sta notando e ne giovano anche le prestazioni. Siamo un grande gruppo e non vogliamo fermarci, forza Ismea”.