E’ inutile nasconderlo: la Omi-Fer Palmi ha meritato la vittoria al ‘PalaJacazzi’ di Aversa e la dimostrazione è arrivata anche dal competente pubblico normanno che ha accompagnato l’uscita dal campo delle squadre con un applauso convinto sia ai vinti che ai vincitori che hanno dimostrato di avere qualcosina in più dei ragazzi del presidente Sergio Di Meo. La gara è stata sempre tirata, soprattutto nel primo e nel terzo set, però le assenze (fermi Bonina e Dall’Agnol) e le condizioni precarie di Sacripanti non hanno permesso alla Ismea di esprimere il suo miglior gioco. Nemmeno i 16 punti di Starace (top scorer del match) sono bastati per conquistare almeno un set. I calabresi sono riusciti a fermare la bocca di fuoco Morelli che infatti ha chiuso i 3 set con appena 6 punti e hanno accelerato quando hanno visto gli avversari in difficoltà. Hanno vinto con merito e sono tornati a casa con 3 punti e con un secco 3-0. Dopo un primo set molto combattuto chiusosi 23-25, nel secondo parziale hanno fatto male (e non poco) i servizi vincenti di Palmi e la ricezione non perfetta della Ismea. Tanto è vero che il secondo set si è chiuso con un netto 16-25. Poi nel momento decisivo Morelli e compagni hanno provato ad allungare sugli avversari ma senza mai riuscirci: ogni due punti fatti ne arrivavano altrettanti di risposta. Quando Prespov tocca le mani del muro e sigla il 18-20 tutti capiscono che la gara è finita: inutile anche il time-out di Tomasello. Gitto al centro con un primo tempo vincente chiude la contesa: è 22-25 e 0-3. Ora bisogna subito dimenticare questo match: domenica c’è il derby con Marcianise a Marigliano. Obiettivo riscatto!

TABELLINO

ISMEA AVERSA: Morelli 6, Trillini 8, Cuti, Calitri (L1), Di Meo (L2), Putini, Starace 16, Corrieri, Sacripanti 7, Diana 6, Schioppa ne, Simonelli. All. Tomasello. Ass. Angeloni

OMI-FER PALMI: Marra 5, Fortunato (L1), Gitto 10, Amato ne, Prespov 15, Russo 10, Rosso 15, Paris 4, Nicolò ne, Di Carlo (L2) ne, Laganà ne, Roberts ne, Remo, Soncini ne. All. Polimeni. Ass. Giglietta